Print Friendly, PDF & Email

 

La giunta regionale dell’Emilia Romagna, delibera che la data di apertura della stagione venatoria al 19 settembre (terza domenica di settembre), fermo restando, in applicazione del Decreto del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare del 17 ottobre 2007 e della suddetta propria deliberazione n. 1147/2018, il divieto di caccia alle specie codone, marzaiola, mestolone, alzavola, canapiglia, fischione, moriglione, folaga, gallinella d’acqua, porciglione, beccaccino, beccaccia, frullino e pavoncella in data antecedente al 1° ottobre in tutte le ZPS (che rappresentano più del 95% delle zone umide regionali) e nei SIC della Rete Natura 2000 regionale.
Per quanto concerne il colombaccio, la data di apertura della stagione venatoria al 1° settembre, solo da appostamento e in due mezze giornate settimanali, fino alle ore 13, sino al giorno 19, che per quanto attiene l’allodola e la beccaccia, la data di apertura della stagione venatoria al 2 ottobre 2021, che l’individuazione delle date di chiusura della stagione venatoria è fissata conformemente a quanto previsto dall’ISPRA, nella Guida per la stesura dei calendari venatori sopra richiamata, come segue:
– al 30 settembre per tortora;
– al 29 novembre per starna e pernice rossa;
– al 5 dicembre per fagiano, lepre, silvilago e coniglio selvatico;
– al 31 gennaio per volpe, cornacchia grigia, gazza e ghiandaia.
Per quanto attiene il prelievo del cinghiale in forma collettiva, l’arco temporale è dal 2 ottobre al 31 gennaio

Scarica le delibere:

Num. 491 del 12/04/2021
Num. 492 del 12/04/2021

About the author

Avatar

Redazione RM

Translate »