Print Friendly, PDF & Email

In data odierna l’Agenzia europea delle sostanze chimiche (ECHA) ha pubblicato una proposta di restrizione ai sensi dell’Allegato XV (e il suo relativo Annex) del Regolamento REACH, volta a limitare l’immissione sul mercato e l’uso del piombo nelle munizioni e negli attrezzi da pesca. La proposta dell’ECHA, come già anticipato, restringerebbe tutti gli usi del piombo nei pallini (diversi da quelli già banditi dalle zone umide) e nelle munizioni. E’ esclusa dal mandato la restrizione del piombo per usi militari, di polizia, degli organi di sicurezza e gli agenti doganali e nei poligoni di tiro indoor.
In particolare, l’ambito della restrizione riguarda il piombo venduto e utilizzato per la caccia, il tiro sportivo ed altri tipi di tiro all’aperto:

  • divieto di vendita e uso di pallini di piombo (con un periodo transitorio di cinque anni). Poiché le attuali regole olimpiche specificano l’uso di munizioni al piombo per determinate discipline, l’ECHA ha anche considerato una deroga facoltativa per l’uso di pallini in piombo per il tiro sportivo solo in condizioni specifiche, ovvero quando le emissioni nell’ambiente siano ridotte al minimo.
  • divieto di utilizzare il piombo in proiettili e altre munizioni (calibro piccolo: cinque anni; calibro grande: periodi di transizione di 18 mesi dalla fine del processo normativo). Deroghe per l’uso continuato se i rilasci nell’ambiente sono ridotti al minimo, ossia quando le strutture sportive siano dotate di sistemi per il contenimento e la raccolta del piombo.

Come previsto nel crono programma (qui), l’ECHA aprirà una consultazione pubblica sull’Allegato XV nel mese di marzo/aprile p.v. Il parere scientifico del Comitato RAC, relativo ai rischi legati a tale sostanza negli usi sopraelencati, dovrebbe essere adottato nel quarto trimestre del 2021 ed una relazione dell’analisi socioeconomica dovrebbe essere pubblicata in parallelo, negli ultimi mesi dell’anno. Un’ulteriore consultazione pubblica sul parere del SEAC (Comitato per l’analisi degli aspetti socio-economici) sarà aperta nel primo trimestre del 2022.

L’ associazionismo di settore europeo, come avvenuto per il dossier sul bando del piombo nelle zone umide, continuerà a coordinarsi con le associazioni nazionali di riferimento sotto il profilo scientifico, lobbistico, istituzionale e politico per seguire in modo adeguato l’imminente processo legislativo. 

Fonte: Cabina di Regia

 

About the author

Avatar

Redazione RM

Translate »